Allievi 2004, 3-2 alla Sanremese in una bella partita. Renda plaude ai suoi compagni: “Dove non ci potevamo arrivare con la tecnica ci siamo arrivati con il cuore”

Vedere una partita di calcio è sempre particolare, per chi ama questo sport sono novanta minuti di emozioni contrastanti. Al Borel la Sanremese è ospite dei ragazzi di mister Porzio, che si portano a casa l’intera posta vincendo 3-2 una gara molto difficile contro un avversario ostico.

Di emozioni ce ne sono state tante; a portare in vantaggio per due volte i giallorossiblu è stato Leonardo Renda. Il centrocampista pietrese plaude all’atteggiamento collettivo: “Siamo entrati in campo con la testa giusta – esordisce Renda – tendendo alta l’attenzione e quella cattiveria agonistica che ci ha permesso di vincere tanti contrasti e prevere a centrocampo. Davanti loro sono stati molto bravi, ma sapevamo della loro forza e quindi eravamo preparati: complimenti ai nostri difensori che si sono fatti trovare pronti e hanno vanificato le loro numerose ripartenze”. I biancoazzurri hanno dato del filo da torcere ai nostri ragazzi, mettendo alla prova anche l’anima della squadra: “Dove non ci potevamo arrivare con la tecnica ci siamo arrivati con il cuore, siamo un gruppo molto unito ed è difficile trovarne uno così”.

Il trand del giovane centrocampista sembra essere positivo, malgrado alcune difficoltà che ha affrontato strada facendo: “C’è stato un periodo in cui non ho dato il meglio di me, ma nelle ultime due partite sono riuscito a tirare fuori il mio potenziale e sono contento di poter aiutare la squadra, i gol sono solo il frutto di tanto lavoro in settimana; ovviamente sono contento, però oggi il merito è di tutti”.

Quello di questa stagione, sembra essere un campionato molto equilibrato, da cima a fondo. I nostri ragazzi si trovano nelle zone alte di una classifica molto corta, con tre squadre a pari punti in terza posizione, tra cui il Finale: “Se mi avessero detto che, a questo punto del campionato, ci saremo giocati le prime posizioni non ci avrei creduto – confessa Renda – eppure è così, il calcio è bello anche per questo, noi abbiamo lottato fin dal primo momento, e man mano che portavamo a casa punti prendevamo coraggio, merito della maturazione del gruppo e della forza di volontà che ci sta mettendo ogni domenica”.

Prossimo appuntamento a Genova contro il Molassana, una gara da non sottovalutare: “Si tratta di una partita importante, perché ci potrebbe far chiudere una bella striscia di vittorie. All’andata abbiamo vinto, questo è vero, però stavolta giochiamo da loro – mette in guarda il centrocampista – e come ci insegna la nostra esperienza, le trasferte non sono mai facili, soprattutto sui campi genovesi; sono sicuro che se andremo lì con la testa giusta, e giocheremo come al solito, porteremo a casa altri 3 punti fondamentali per il nostro cammino”.